Get Adobe Flash player

Privacy e Cookie Law

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione mediante cookie nel rispetto della tua privacy e dei tuoi dati.

Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione acconsenti all’uso dei cookie. Leggi Privacy


Gruppi

Gruppi 

gruppi

Supervisioni alla pari 

Se la psicoterapia fa parte dell'esperienza umana e della cultura nella quale viviamo la supervisione è un'acquisizione recente. La supervisione corrisponde all'auto riconoscimento dei limiti del terapeuta e del bisogno di confrontarsi e migliorarsi nel rispetto della professione e del cliente.

Continuano gli incontri mensili di supervisione alla pari.

Approcci diversi (gestaltico, rogersiano, sistemico relazionale, integrato, analisi transazionale, terapia strategico comportamentale) che si incontrano e si confrontano sui casi clinici e sulle varie tematiche di lavoro.

Prossimo incontro lun 9 maggio 2016.

Temi: Casi in comune, come confrontarsi, casi clinici.

Si tratta di confronti strutturati e sistematici tra professionisti di pari livello che servono a:

- ricevere informazioni sul proprio lavoro (limiti e miglioramenti); 

- apprendere nuove e diverse abilità concettuali (sapere)  e tecniche (saper fare); 

- migliorare le abilità diagnostiche;

- sapere cosa non fare;

- garantire la qualità del lavoro terapeutico; 

- osservare la propria etica e deontologia professionale;

- essere proattivi e non reattivi nella propria professionalità. 

Bibliografia:

La supervisione clinica integrata - Masson, Giusti, Montanari, Spalletta 

 


Gli scorsi appuntamenti:

Supervisioni alla pari 

 

25 febbraio 2015  dalle 10.00 alle 13.00

presso lo Studio Peraversi.

Argomenti che verranno trattati: 

- disturbo bipolare.


 

17 dicembre 2014  dalle 10.00 alle 13.00

presso lo Studio Peraversi.

Argomenti che verranno trattati: 

- rischio suicidio; - casi clinici; - certificazioni.


 19 novembre 2014  dalle 10.00 alle 13.00

presso lo Studio Peraversi.

Argomenti che verranno trattati: 

- la relazione terapeutica con clienti con malattie degenerative.


22 ottobre dalle 10.00 alle 13.00

presso lo Studio Peraversi.

Argomenti che verranno trattati: 

- la relazione terapeutica con clienti con malattie oncologiche


9 Luglio 2014 dalle 10.00 alle 13.00

presso lo Studio Peraversi.

Argomenti che verranno trattati: 

- La chiusura della relazione terapeutica;

- L'invio in terapia.


 16 Giugno 2014 dalle 10.00 alle 13.00

presso lo Studio Peraversi.

Argomenti che verranno trattati: 

- maschile e femminile;

- punti di vista della teoria rogersiana;

- riflessioni sulle costellazioni familiari. 


Approcci terapeutici a confronto 

Prossimo appuntamento:

18 Marzo 2014 dalle 10.00 alle 13.00

presso lo Studio Peraversi.

Argomenti che verranno trattati: 

- le violenze II parte;

- disturbi ossessivo compulsivi: confronti su interventi con approcci terapeutici diversi;

- casi clinici. 


 3 Febbraio 2014 ore 10.30

presso lo Studio Peraversi.

Argomenti che verranno trattati: 

- maltrattamenti e violenze, confrontandosi su quando in terapia arriva chi li subisce e chi li agisce;

- sessualità;

- casi clinici. 


 27 Gennaio 2014 ore 10.30

presso lo Studio Peraversi.

Argomenti che verranno trattati:


- terapia di coppia;

- psicoterapia e psicofarmacologia;

- casi.  


4 Dicembre 2013 ore 10.30 e 10 Gennaio 2014 ore 10.30

presso lo Studio Peraversi.


Secondo appuntamento:

27 Novembre 2013 ore 10.30 presso lo Studio Peraversi.


Prima data della supervisione alla pari:

21 Ottobre 2013 ore 10.30 presso lo Studio Peraversi.

Se la psicoterapia fa parte dell'esperienza umana e della cultura nella quale viviamo la supervisione è un'acquisizione recente. 

La supervisione corrisponde all'auto riconoscimento dei limiti del terapeuta e del bisogno di confrontarsi e migliorarsi nel rispetto della professione e del cliente.

Si tratta di confronti strutturati e sistematici tra professionisti di pari livello che servono a:

- ricevere informazioni sul proprio lavoro (limiti e miglioramenti); 

- apprendere nuove e diverse abilità concettuali (sapere)  e tecniche (saper fare); 

- migliorare le abilità diagnostiche;

- sapere cosa non fare;

- garantire la qualità del lavoro terapeutico; 

- osservare la propria etica e deontologia professionale;

- essere proattivi e non reattivi nella propria professionalità. 

Bibliografia:

La supervisione clinica integrata - Masson, Giusti, Montanari, Spalletta